Monday, October 15, 2007

3 comments:

claudio acciari said...

Ciao Lorenzo, scopro il tuo blog solo dopo che mi hai scritto.I tuoi lavori li trovo straordinari! Ma come e' possibile che in Italia esistano persone che disegnano? Quando mi guardo intorno in edicola vedo solo Topolino e Uincs.Ma allora esistono anche altre persone alle quali piace Terada!Ma pensa...!
Ciao ^_^

claudio acciari said...

Lorenzo ciao,scusa il ritardo, grazie per le belle parole.Come ti butta? Anch'io sono autodidatta.Ho fatto un biennio come geometra perche' vicino casa mia non c'era alcuna scuola superiore artistica. Poi cominciavo a tagliarmi tutto quindi era il caso di trovare una scuola dove potessi disegnare.Ho fatto il triennio successivo di grafica pubblicitaria.Gli unici anni di scuola superiore che ricordo con piacere.Poi ho cominciato presso uno studio italiano facendo animazione,poi in Cermaniah e poi in Ammereca, poi di nuovo in Europa ecc, ecc.Fino ad avere le pezze al culo qui in Italia,la terra dei cachi.Altri miei amici italiani hanno fatto carriera ma io penso d'esser nato per estinguermi presto.Ho sempre fatto scelte azzardate e di stomaco e questo da un certo punto di vista mi ha penalizzato, da un altro...rifarei tutto, cazzo.Penso d'essere un esempio da non seguire se si vuole vivere a lungo ah ah.Pero' gli anni novanta erano altri tempi,c'era ancora un minimo di spazio per essere incoscenti, ora non so. Ho sempre detestato prendere "ordini" cosiccome detesterei darne.Quindi il ruolo d'art director non me lo accollerei mai, un po' perche' non credo alle puttanate che i "creativi" dicono con la stessa costanza di un monaco con i mantra, e un po' perche' non voglio far le veci per qualcun altro nelle vesti di "responsabile".Ognuno deve guadagnare col proprio culo, non con quello degli altri.Quindi non mi restava che fare il lavoro che altri mi chiedevano di fare, ma anche qui il morbo bocconiano ha pervaso giovani e meno giovani, e di far finta di prenderli seriamente mi sono rotto.Questo per dire che (per quel che riguarda il MIO vissuto)ho trovato piu' sconveniente mostrare il mio vero curriculum e capacita' anziche' il contrario.Tanto per stare nell'ombra.Un po' come Margot nel film "il castelo di Cagliostro", pronta a usare la sua vera identita' quando arriva il momento propizio.All'estero e' diverso ma mi mancava il caffe' e certe discussioni.Tu sei bravissimo e hai cuore in quello che fai m'e' sembrato di capire.E' raro, e come le cose rare sono piu' esposte delle altre,nel bene e nel male,ma penso tu lo sappia gia'.Uno con le contropalle, alla Dream Works, vedendomi un po' abbattuto un giorno mi disse:" ricordati che l'unico vero giudice del tuo lavoro alla fine sei solo tu".

amelinda said...

A parte che scavando gli archivi del tuo blog ti trovo un mostro di bravura.

Quando io non sapevo neanche tenere la matita in mano, o allacciarmi le scarpe sa sola tu facevi dei disegni da paura..

o.O
CAZZO!

e poi vedo questo e mi chiedo..

ma io che cazzo disegno a fare? :*